mercoledì 14 marzo 2012

Un atto di fede: la balbuzie si può superare!

Per definizione, un atto di fede si esplica senza giudizio e senza dubbi di nessun genere.
Questa fede nel metodo di Psicodizione e dei cinque strumenti che Chiara ci ha insegnato, mi sta portando ad esercitarmi quotidianamente, nonostante i progressi evidenti nella fluenza delle mie parole, anche quando mi "dimentico" di mettere in atto la tecnica per superare la balbuzie.

So per esperienza che la balbuzie è subdola e ritornerà puntuale quando, in momenti di ansia più alta, verrò colto di sorpresa ad attuare abitudini molto consolidate negli anni, contrariamente a quanto mi aspettassi...

La mia giornata si apre quasi sempre con un' ora di esercizio che ritengo siano un rito di gioia che la mia persona si merita, come una gratificazione...giornaliera.

E lo è se penso che, dopo aver finito, sento di aver fatto qualcosa di prezioso e di utile per me e per la mia vita..

Dopo l' affievolirsi, prevedibile, del forte coinvolgimento emozionale resta una base, un supporto...un pilastro sul quale appoggiarsi per non retrocedere, da alimentare e non accantonare neanche un istante.

Come diceva Chiara l' ultimo giorno: non è possibile restare fermi, o si crea o si decrea.
O si cresce o si decresce!Concetto che amo moltissimo osservando la meravigliosa trasformazione ciclica delle stagioni, della vita che si trasforma fino a finire inevitabilmente, dell' universo che si sta espandendo dal momento del big bang...

Così nel nostro cammino vitale: non è possibile arrivare ad un grado di competenza nel parlare e di mantenerlo per sempre, dopo aver sofferto per molti anni di questo disturbo.

Io non mi accontento!!!

Io ho bisogno di arrivare a comunicare a molte persone contemporaneamente perciò devo essere molto bravo e padrone del mio apparato psico-fonatorio.


Fin qui... tutto bene!!
DAniele

Nessun commento:

Posta un commento