venerdì 9 marzo 2012

Pietro e Marta

Ho chiesto autorizzazione a Denise, mamma della piccola Marta, di pubblicare questo messaggio postato da lei su fb...
Credo sia da condividere anche con chi non usa quel social.. 
Daniele
 
ciaoooo....vorrei raccontarvi quello che è successo oggi all'uscita di scuola di Marta.... una tenerezza immensa....non so se tuttti lo sanno ma al corso di sesto è nata una simpatia tra Marta e Pietro....ebbene oggi la piccola peste è uscita da scuola felice per aver preso un bel voto di geografia in quanto non ha avuto blocchi nell'esposizione.....ad un certo punto mi dice che vorrebbe telefonare a Pietro per sentirlo e dopo un po' mi chiede: "ma secondo te, se io e Pietro ci sposiamo, abbiamo un figlio balbuziente?"....STREPITOSA....mi sono quasi venute le lacrime agli occhi....per la loro innocenza....per la loro bellezza..... ciao a tutti....volevo condividere con voi questo mio frammento di giornata...
 Denise

4 commenti:

  1. sono mamma e moglie di un marito balbuziente e anche i nostri due figli sono balbuzienti.io sono dell'idea che la balbuzie non sia un difetto o una malattia,ma bensì un dono che hanno solo delle persone speciali che attraverso gli esercizi e i cinque metodi di chiara fanno uscire delle emozioni incredibili e ti fanno conoscere persone stupende,quindi voglio dirti che anche se nasce un figlio balbuziente è solamente xchè sarà speciale.
    attraverso la a esperienza famigliare son convinta che a queste persone non manchi niente, ma hanno un qualcosa in più da dare e nel momento in cui si sbloccheranno,fanno la differenza!
    Donatella da mestre.

    RispondiElimina
  2. Ciao Donatella,
    solo una cosa, mi sento di dirti da balbuziente:
    sei sicura che i tuoi cari, e tutti noi balbuzienti, non baratterebbero questa "specialità" con una parola fluente, coinvolgente, calda e attraente?

    Capisco quello che scrivi ma capisco anche le enormi difficoltà che ho avuto nel realizzare i miei sogni professionali...

    LA PAROLA CREA!!
    Un abbraccio alla tua famiglia ed a te..
    DAni

    RispondiElimina
  3. ciao danicapisco quello che hai scritto e credimi lo stiamo vivendo credo che più di una volta ci siamo chiesti xchè proprio a noi.io personalmente appena conosciuto mirko mio marito ,ho lottato con la mia famiglia xchè lo vedevano diverso immaginiamo esternamente vita quotidiana lavoro ecc che rospi doveva deglutire.tanto di rispetto x tutti voi che avete fatto parte della vostra vita come in una gara di corsa con il freno a mano tirato.tu dirai facile parlare.hai ragione è facile parlare ma io vivo quotidianamente con loro che ogni giorno cercano di lubrificare il loro motore.chiudo e ti saluto raccontandoti una cosa.eleonora nostra figlia maggiore età adolenziale ,ogni volta che si litigava lei si richiudeva e non mi dicceva niente qualche giorno fa mi ha quasi mandato ma credimi mi ha fatto felice
    Donatella da mestre

    RispondiElimina