lunedì 27 febbraio 2012

La telecamera non ha opinioni!

 Domenica 26.02.2012
 Giorno 7

Oggi sono passato sotto le forche caudine della telecamera..
Pensavo che il giogo fosse inaccessibile, e che si sarebbe stretto intorno al mio collo..al momento del mio passaggio...
Lo pensavo fino al momento in cui Gianluca ha chiesto a Marzia: "..Daniele o Antonio?.."

La "D" di ddddaniele, così strozzata da sempre tra le mie labbra, aggravata da migliaia di post it dalla "D" del cognome ed alla seconda lettera della mia professione, odontotecnico, (preceduta da una O da aprire al massimo, tanto che il mio giro di parole era " ho un laboratorio odontoprotesico"..per prendere la rincorsa)
è uscita senza sforzo dalle labbra di Gianluca...

Un umano batticuore, adrenalina che entra in circolo come un' automobile nel traffico milanese, reazione biochimica di paura e di allerta [PERICOLO!!!PERICOLO!!!CRITICITA' DI SISTEMA!!!MANCANO 20 SECONDI ALL' AUTODISTRUZIONE!!!] sembra ripetere la voce metallica e non umana dei film di fantascienza..

 "....ecco... adesso mi si annebbia la vista, le mani mi sudano la saliva fugge...gli occhi si assentano....tutti pensano...poverino!!.."

Un attimo e gli occhi miei e di Gianluca sono collegati...lo percepisco...mi percepisce..
Mi tornano alla mente, in un nanosecondo, le parole di Chiara, alla conferenza:


"Chi non balbetta, mi dica: batte il cuore, sudano le mani, si annebbia la vista in momenti di forte stress o di importanza maggiore?"

La risposta della sala non poteva essere che una: SI!!

Perchè dovrei essere diverso io?

Mi sudano le mani, mi tremano le gambe, ma...

 LA PAROLA ESCE...

Si inceppa un attimo, riprendo il controllo spingo, apro, tiro, accellero, freno...accendo i fari...metto la freccia...le faccio tutte...forse male...non ancora perfettamente se vogliamo ma...

PARLO E SOPRATTUTTO COMUNICO...
IL MIO MESSAGGIO ARRIVA..
...SARA' INTERESSANTE O MENO,COMUNQUE NON DIPENDE DA ME!!
PER ME LO ERA E CIO' A ME BASTA!!
MI BASTA CHE IO...SI PROPRIO IO MI SENTA BENE E ORGOGLIOSO DI ME STESSO...
AVRO' TEMPO PER ABITUARMI AL PARLARE FLUENTE..E RICORDARE QUESTI GIORNI CON NOSTALGIA TANTO CHE VORREI TORNARE A BALBETTARE..
MA NON LO FARO'...NON BALBETTERO' MAI PIU'..
MI DIMENTICHERO' DEI VOLTI E DELLE VOCI CHE STO AMANDO COSI' TANTO IN QUESTI GIORNI...ANDRANNO VIA COME TUTTE LE ALTRE VOCI E TUTTI GLI ALTRI VOLTI...COSI' E' LA VITA..
RESTERA' SOLO, IN UN POSTO COSI' PROFONDO DEL MIO CUORE CHE SARA' SOLO MIO,
QUEL SENSO DI GRATITUDINE PER AVER PROVATO CIO' CHE STO PROVANDO ANCHE ORA CHE SCRIVO...E PER CHI ME LO HA DONATO....

Daniele

2 commenti:

  1. "..E RICORDARE QUESTI GIORNI CON NOSTALGIA TANTO CHE VORREI TORNARE A BALBETTARE" Bravo Daniele!

    Ci è capitato che, in occasione dello stage di Ottobre 2011 a Senigallia, un genitore si è stupito e si è divertito nel vedere quanta forza, quanta armonia, quanta gioia, quanta felicità, quanta positività e quanta eleganza ogni ragazzo ha messo nel comunicare in ogni istante dello stage; e quanto ogni ragazzo era riconoscente ad ogni componente dello staff e ad ogni partecipante del gruppo, tanto che ha detto "..è quasi un peccato non essere balbuziente.."

    Come cambiano le cose eh??, l'avresti mai detto??
    Sono davvero contento per te. Da oggi nulla sarà più come prima, da oggi torni ad essere LIBERO di comunicare.

    p.s. allora avevo ragione?? sostituisci la parola "speranza" a "libertà"??

    Daniele C.

    RispondiElimina
  2. E' proprio così come scrive Daniele C....io me ne sono accorta l'ultimo giorno del corso (preparati Daniele....altra botta e altre notti insonni!): posso confermare che io ho realmente colto l'invidia dei genitori dei bambini balbuzienti per noi corsisti, perché a noi e non a loro era stata riservata questa "rivelazione", questa insperata felicità, questa nuova vita.
    Era la prima volta in tutta la mia vita che mi capitava: non più sguardi di compassione per me balbuziente, ma sguardi di INVIDIA...non mi sembrava possibile!

    Paola

    RispondiElimina